Psicoterapia sistemico relazionale

Ultime sedi inserite

Psicoterapia sistemico relazionale

Psicoterapia sistemico relazionale

Cos’è la Psicoterapia Sistemico Relazionale?

La Psicoterapia Sistemico Relazionale parte dall’assunto che il singolo individuo è inserito all’interno di un contesto sociale, in cui ha relazioni e legami.

Il malessere e i sintomi rientrano nelle complesse dinamiche relazionali, diventando un’espressione dell’incontro con l’esperienza individuale.

La Terapia Sistemico Relazionale nasce intorno agli anni ’50, negli Stati Uniti, ma trae le sue origini dalla Teoria dei Sistemi, di Ludwing von Bertalanffy, secondo cui ogni fenomeno va contestualizzato in un sistema.

Un approccio psicoterapeutico che viene fondato e perfezionato nella Scuola di Palo Alto, in America, da alcuni illustri studiosi come Gregory Bateson, Jay Haley e Paul Watzlawick.

La Psicoterapia Sistemico Relazionale non si ferma all’analisi dell’individuo e del suo passato, ma indaga e analizza i rapporti che intrattiene nel tessuto sociale di appartenenza, e l’uso della sua comunicazione con l’esterno. La psiche si struttura grazie ad un sistema complesso di relazioni.

Il sintomo non è quindi più considerato solo come l’espressione di un disagio individuale, ma come una disfunzione dell’intero sistema. La diagnosi fa perciò riferimento allo specifico funzionamento del sistema e la stessa terapia sistemico relazionale mira a lavorare sull’intero complesso di relazioni interne.

Quali sono i principali disturbi psichici e i disagi che si possono curare con la Psicoterapia Sistemico Relazionale?

Ci si rivolge allo Psicoterapeuta per affrontare problematiche che collegano l’individuo  al contesto sociale di appartenenza, quindi solitamente si fa riferimento a disagi individuali ma anche avvertiti all’interno della coppia e/o della famiglia. In quest’ultimo sistema, si analizzano tutte le relazioni, sia tra genitori/figli che tra gli stessi fratelli/sorelle.

La Terapia Sistemica indaga e lavora sulle relazioni, i miti familiari, le regole più o meno esplicite della famiglia, oltre che sugli effetti che queste hanno sulle singole persone.

Lo Psicoterapeuta approfondirà la conoscenza dell’intero sistema analizzando:

·      problemi di coppia e disfunzioni sessuali;

·      rapporto tra genitori e figli e/o fratelli e sorelle;

·      dipendenze affettive;

·      problemi di comunicazione.

Chi si rivolge al trattamento della Psicoterapia Sistemico Relazionale?

Solitamente è il singolo individuo che contatta lo Psicoterapeuta manifestando un disagio avvertito all’interno della coppia o del suo nucleo familiare, e individualmente legato a queste dimensioni complesse.

La Psicoterapia Sistemico Relazionale è indicata anche in quei casi in cui la separazione o il divorzio familiare genera una conflittualità e provoca un malessere anche nei figli.

La Terapia Sistemica lavora con i pazienti affinché quelle relazioni che il singolo avverte come difficoltose, possano essere comprese e trasformarsi gradualmente arrivando ad un cambiamento personale, di coppia e familiare.

Cosa succederà nelle sedute di Psicoterapia Sistemico Relazionale?

Nei primi incontri con lo Psicoterapeuta sistemico relazionale, potrai raccontare quale disagio stai affrontando ora, quale problematica incontri nella tua coppia o nella tua famiglia.

Lo Psicoterapeuta può proporre, in accordo col paziente, di richiedere la presenza degli altri componenti del nucleo familiare, in quanto la Psicoterapia Sistemico Relazionale lavora su più livelli.

Da un alto approfondisce le dinamiche vissute dal singolo, dall’altro desidera approfondire l’esperienza di ciascun componente, per poter conoscere l’intero sistema nel suo insieme.

Il disagio o il disturbo del singolo individuo, sono l’espressione di un problema dell’intero sistema.

Attraverso il colloquio clinico e ciascuna seduta di gruppo, lo Psicoterapeuta favorirà la comunicazione, per comprendere l’intero sistema familiare e il suo stesso ecosistema di appartenenza (famiglia, relazioni di coppia/amorose, relazioni amicali).

Come può aiutarti la Psicoterapia Sistemico Relazionale?

La Psicoterapia Sistemico Relazionale contestualizza il tuo disagio all’interno del sistema con cui ti relazioni, aiutandoti a capire, attraverso il racconto anche degli altri componenti, dove possa esserci un aspetto da approfondire, da cui poter iniziare a lavorare per migliorare il tuo benessere.

Lo scopo della Terapia Sistemica è quello di aiutarti a risolvere quella determinata problematica.

Il dialogo e la collaborazione con gli altri membri della tua famiglia o con il tuo partner, renderanno possibile il cambiamento promosso da questa metodologia clinica.

Diversi sono gli strumenti che verranno utilizzati per indagare la storia familiare e il rapporto tra i suoi componenti.

Qual è il percorso formativo che ha seguito lo Psicoterapeuta sistemico relazionale?

Il percorso formativo prevede una Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Sistemico Relazionale, della durata di 4 anni.

Si consiglia di solito agli Psicoterapeuti un percorso di terapia individuale e almeno 2 anni di partecipazione a Terapia e supervisioni con Supervisori abilitati con esperienza.

Nella Scuola di Specializzazione lo Psicoterapeuta avrà modo di confrontarsi con situazioni pratiche, partendo dallo studio dei processi evolutivi della sua famiglia d’origine.

Trova il tuo Psicologo di base specializzato in:

Psicologo di base® è arrivato in queste località